Indice Dietro Avanti
Gordiano III e la Vittoria di Augusto
11.5.2013
4,39g
20,54-22,84mm
6h
fig. 1
Cliccare sulle immagini per ingrandire
Roma, 25.5.2013
... riporto di seguito gli elementi significativi pertinenti alla moneta di figura:

Antoniniano1, zecca di Roma, giugno-dicembre 238 d. C.2, RIC IV/III 5 (pag. 16), Cohen V 357 (pag. 60), indice di rarità "c2"

Descrizione sommaria:
D. IMP CAES M ANT GORDIANVS AVG. Busto di Gordiano III, radiato, paludato, corazzato a destra, visto da dietro.3
R. VICTO-RIA AVG. La Vittoria, gradiente a sinistra, sorregge con la mano destra una corona e con la sinistra una palma.4

La ricerca nel web di sesterzi di tipologia simile ha prodotto i seguenti risultati:

  1. http://www.acsearch.info/record.html?id=505458 Source Auktionshaus H. D. Rauch GmbH 10th eAuction (14.07.2011) Lot 428 ( « | ») Estimate 28 EUR 85 EUR (~120 USD) Description RÖMISCHE KAISERZEIT Gordianus III. (238-244) (D) AR-Antoninianus (4,49g), Antiochia (Antakya), 238-239 n.Chr. Av.: IMP CAES M ANT GORDIANVS AVG, Büste mit Strahlenkrone, Drapierung und Kürass n.r. Rv.: VICTO-R-I-A AVG, Victoria mit Kranz und Palmzweig n.l. RIC 202, RSC 357a. f.vzgl.
  2. http://www.acsearch.info/record.html?id=415475 Source Auktionshaus H. D. Rauch GmbH Auction  Summer Auction 2010 (13.09.2010) Lot  1060  ( «  |  » ) Estimate  26 EUR Price  65 EUR (~82 USD) Description RÖMISCHE KAISERZEIT Gordianus III. 238-244 (D) AR-Antoninianus (3,99g), Antiochia (Antakya) 238-239 n.Chr. Av.: IMP CAES M ANT GORDIANVS AVG, Büste mit Strahlenkrone, Drapierung und Kürass n.r. Rv.: VIC-T-O-RIA AVG, Victoria mit Kranz und Palmzweig n.l. -- Leichte Prägeschwäche. RIC 202, RSC 357a. f.vzgl.
  3. http://www.wildwinds.com/coins/ric/gordian_III/RIC_0202.1.jpg *AAH* Gordian III 238-244AD Ant"Victory" 3.9g Gordian III 238-244AD Ant"Victory" 3.9gm. Silver antoninianus of Gordian.Obv.IMP.CAES.M.ANT.GORDIANVS AVG. Radiate bust of Gordian right.Rev.VICTORIA AVG.Victory advancing left,holding wreath and palm.
  4. http://www.acsearch.info/record.html?id=397257 Source Freeman & Sear Auction Mail Bid Sale 17 (15.12.2009) Lot  578  ( «  |  » ) Price  60 USD Description Gordian III (238-244). Silver antoninianus (4.36 gm). July 238-July 239. IMP CAES M ANT GORDIANVS AVG, radiate, draped, cuirassed bust right / VICTORIA AVG, Victory advancing left with crown and palm. RIC 5. RSC 357. RCV 8664. Extremely fine. Ex A. Lynn Collection; CNG Sale 60, 22 May 2002, lot 1814 (part of). Estimate: $60.
  5. http://www.acsearch.info/record.html?id=209809 Source FORVM ANCIENT COINS Description Gordian III, 29 July 238 - 25 February 244 A.D. 5380. Silver antoninianus, RIC IV 5, VF, Rome mint, 5.12g, 23.6mm, 0°, end of July 238 to end of July 239 A.D.; obverse IMP CAES M ANT GORDIANVS AVG, radiate, draped and cuirassed bust from behind; reverse VICTORIA AVG, Victory advancing left, wreath in right, palm frond in left; first issue of the reign; SOLD.
  6. http://www.acsearch.info/record.html?id=218710 Source FORVM ANCIENT COINS Description Gordian III, 29 July 238 - 25 February 244 A.D. 13244. Silver antoninianus, RIC IV 5, RSC IV 357, VF, Rome mint, 4.387g, 21.4mm, 0°, 238 - 239 A.D.; obverse IMP CAES M ANT GORDIANVS AVG, radiate, draped and cuirassed bust right, from behind; reverse VICTORIA AVG, Victory advancing left, wreath in right and palm in left; SOLD.
  7. http://www.acsearch.info/record.html?id=221000 Source FORVM ANCIENT COINS Description Gordian III, 29 July 238 - 25 February 244 A.D. 15169. Silver antoninianus, RIC IV 5, RSC 357, choice aEF, Rome mint, 4.259g, 22.2mm, 180°, 238 - 239 A.D.; obverse IMP CAES M ANT GORDIANVS AVG, radiate, draped and cuirassed bust right, from behind; reverse VICTORIA AVG, Victory advancing left, wreath in right and palm in left; nice Victory on the move!; SOLD.
  8. http://www.acsearch.info/record.html?id=222979 Source FORVM ANCIENT COINS Description Gordian III, 29 July 238 - 25 February 244 A.D. 15169. Silver antoninianus, RIC IV 5, RSC IV 357, gVF, Rome mint, 3.816g, 22.6mm, 0°, 238 - 239 A.D.; obverse IMP CAES M ANT GORDIANVS AVG, radiate, draped and cuirassed bust right, from behind; reverse VICTORIA AVG, Victory advancing left, wreath in right, palm in left; nice portrait; SOLD.
  9. http://www.acsearch.info/record.html?id=512231 Source Auktionshaus H. D. Rauch GmbH Auction  Summer Auction 2011 (19.09.2011) Lot  895  ( «  |  » ) Estimate  30 EUR Price  65 EUR (~90 USD)Description RÖMISCHE KAISERZEIT Gordianus III. (238-244) (D) AR-Antoninianus (3,45g), Roma, 1. Emission, 238-239 n.Chr. Av.: IMP CAES M ANT GORDIANVS AVG, Büste mit Strahlenkrone, Drapierung und Kürass n.r. Rv.: VICT-ORIA - AVG, Victoria mit Kranz und Palmzweig n.l. RIC 5, RSC 357. Leicht getönt. s.sch.-vzgl.
  10. Forum Ancient Coins RS63950. Silver antoninianus, SRCV III 8635, RIC IV 19, RSC IV 199, Rome mint, weight 4.372g, maximum diameter 21.6mm, die axis 180o, 2nd issue, Jul - Dec 239 A.D.; obverse IMP CAES M ANT GORDIANVS AVG, radiate, draped and cuirassed bust right, from behind; reverse P M TR P II COS P P, Victory walking left, wreath in right, palm frond in left; scarce; $90.00.
  11. http://www.forumancientcoins.com/gallery/displayimage.php?pos=-91933 Gordian III / RIC 202. Antoninianus, 238 - 239 AD, Antioch mint. Obverse: IMP CAES M ANT GORDIANVS AVG / Radiate bust of Gordian. Reverse: VICTORIA AVG / Victoria walking, holding wreath and palm branch. 3.90 gm,, 21 mm.
  12. http://kevinscoins.ancients.info/rom_imp/pages/gord3/gord3_ant_202.htm AR Antoninianus (21.71mm, 3.4g) Struck 238-239 A.D. Rome Obv: IMP CAES M ANT GORDIANVS Radiate Draped and cuirassed bust right Rev: VICTORIA AVG Victory advancing left carrying wreath and palm RIC IV 5, Sear 8664, RSC 357.
  13. Vcoins Gordian III, AR Antoninianus, 238-239, Uncertain Eastern Mint IMP CAES M ANT GORDIANVS AVG Radiate, draped, cuirassed bust right, seen from behind VICTO_R_I_A AVG Victory advancing left, wreath upward in right hand, palm in left over shoulder 22mm x 24mm, 4.09g RIC IV, Part III, 202 (Antioch) Note: This specimen is in particularly fine style and quite different from the bulk of Antiocheni issues. I'm listing this as RIC 202 from Antioch, although it is likely from a different Eastern mint - possibly Viminacium. Grade: gVF, uneven strike.
  14. http://www.wildwinds.com/coins/ric/gordian_III/RIC_0202.jpg EUR 29.29 *AAH* Gordian III Ant "Victory-Antioch".
Concludo osservando che, per quanto consentito da un esame a distanza, le caratteristiche fisiche, l'aspetto generale e lo stile della moneta non si discostano da quelli degli esemplari autentici d'epoca.

-------------------------------

Note:

(1) Antoniniano (argento). Raccolgo in tabella le caratteristiche fisiche degli antoniniani della tipologia di figura  tratte dai link di cui sopra:

Riferimenti Peso (g.)  Asse di conio (ore) Diametro (mm)
Link1 4,49 - -
Link2 3,99 - -
Link3 3,9 - -
Link4 4,36 - -
Link5 5,12 23,6 0
Link6 4,387 21,4 0
Link7 4,259 22,2 6
Link8 3,816 22,6 0
Link9 3,45 - -
Link10 4,372 21,6 6
Link11 3,90 21 -
Link12 3,4 21,71 -
Link13 4,09 21,71 -
Si evince dalla tabella che le caratteristiche fisiche dell'antoninano di figura sopra riportate (4,39g, 20,5-22,8mm, 6h) non si discostano da quelle dei conî d'epoca.
(2) La datazione riportata nel sommario (giugno 238- fine 238 d. C.) è indicata dal numismatico francese Jérôme Mairat il quale assegna la moneta alla sesta di sei officine al tempo attive nell'Urbe (v. link). Una moneta della stessa tipologia fu emessa però anche dalla zecca di Antiochia (RIC 202), si tratta in questo caso di un'emissione più rara di quella romana, della quale diversi esempi sono riportati nei link di cui sopra; le differenze rispetto all'emissione romana sono date alcuni particolari minori, non facilmente discernibili. Il RIC parla di differenze di stile e di struttura, in particolare accenna ad una certa rigidità delle lettere della leggenda, artificiosamente regolari nell'emissione di Antiochia. A mio avviso, nell'emissione di Antiochia le lettere della leggenda del rovescio sono più grandi e marcate che nell'emissione romana.
(3) IMPerator CAESar Marcus ANTonius GORDIANVS AVGustus. La tragica storia dei Gordiani si consumò nell'arco di soli sei anni, tra il 238 e il 244 d.C. Il futuro Gordiano I, personaggio di nobile e ricca famiglia, aveva ricevuto dall'imperatore Severo Alessandro l'incarico proconsolare in Africa e ivi si trovava quando, nel 238 d.C., regnante Massimino (Alessandro era stato ucciso nel 235 per mano di Massimino), scoppiò una ribellione dei locali proprietari terrieri, timorosi di vedere i propri beni confiscati dalla politica predatoria del sovrano. I ribelli, dopo aver ucciso il legato imperiale, imposero a Gordiano la scelta tra l'acclamazione ad imperatore o la morte. Gordiano accettò l'incarico condividendolo con il figlio (Gordiano II) e inviò a Roma una legazione con l'incarico palese di perorare presso il Senato la causa dei ribelli e quello segreto di eliminare Vitaliano, capo dei pretoriani e uomo forte del regime di Massimino. La missione riuscì, gli ambasciatori sparsero la voce della morte di Massimino, il popolo si sollevò, il Senato appoggiò gli ammutinati contro i fautori della conservazione e, senza attendere la conferma ufficiale della morte di Massimino, convalidò l'elevazione al trono dei due Gordiani. Il loro regno doveva tuttavia durare meno di un mese. Capelliano, legato della Numidia, che in un primo tempo aveva appoggiato la causa dei Gordiani, gli si rivoltò contro allorché ritenne che le sue aspettative non venissero tenute nella giusta considerazione e poiché aveva al suo comando un esercito forte e bene addestrato, batté agevolmente a Cartagine l'esercito raccogliticcio dei suoi oppositori, sicché Gordiano I si suicidò e Gordiano II finì ucciso in battaglia. Le notizie provenienti dall'Africa circa la morte dei due Augusti crearono il panico nella città di Roma, dove si era sparsa la voce che Massimino, dato per morto, era invece ancora vivo e ben deciso a difendere le sue prerogative. Al Senato, ormai compromesso, non restò che scegliere al proprio interno, come successori, due suoi membri, Pupieno e Balbino, con il compito di preparare la guerra. Ma il popolo non gradì il risorgere del potere senatorio, ne seguirono tumulti e il Senato dovette accettare il compromesso di proclamare Cesare (cioè sovrano in pectore) il tredicenne Marco Antonio Gordiano, il cui nonno materno era stato Gordiano I e il cui zio materno Gordiano II. Poco dopo, una rivolta dei pretoriani pose fine alla vita dei due Augusti regnanti, sicché l'ultimo dei Gordiani, Cesare da pochi mesi, divenne Augusto nel luglio del 238, passando alla storia come Gordiano III. L'anno 238 fu fatale anche per Massimino: la resistenza opposta dall'esercito senatorio ostacolò il suo ritorno a Roma e una rivolta della 2^ Legione Partica ne determinò la morte. Gordiano III, data la giovane età, era docile strumento nelle mani dei pretoriani e del loro capo Timesiteo che lo aveva mantenuto al potere e gli aveva dato in moglie la propria figlia. Ma il suo regno durò quanto la vita di Timesiteo. Quando questi morì, pare avvelenato, durante una campagna militare in Oriente, il nuovo prefetto dei pretoriani, Marco Giulio Filippo, figlio di uno sceicco arabo, passato poi alla storia  come Filippo I l'Arabo, lo fece assassinare dai suoi sicari nel 244 facendosi proclamare Augusto al suo posto. Il Senato e le provincie riconobbero subito il nuovo sovrano, favorito delle legioni orientali.
(4) VICTORIA AVGusti. L'iconografia della Vittoria è quella classica della monetazione romana dai tempi di Nerone che riprende la Nike greca: gli attributi della Vittoria sono la corona della vittoria offerta al vincitore e la palma della pace offerta ai popoli soggiogati. L'emissione è associata allo stato di guerra alla frontiera persiana.
Indice Dietro Avanti