Indice Dietro Avanti
Aureliano e il valore dei soldati
24.11.2011
3,55g
22,50mm
12h
 fig. 1
Cliccare sulle immagini per ingrandire
Roma, 13.10.2012
Egregio Lettore, 
riporto di seguito i dati significativi pertinenti alla sua moneta con l'intesa che ho contrassegnato con un trattino le interruzioni di continuitÓ, ove presenti, nella leggenda:

Antoniniano1, zecca indeterminata2, 270¸275 d. C.3, RIC V/I 408 (pag. 311), indice di raritÓ "r3"

D. IMP AVRE-L-IANVS AVG4. Aureliano, busto radiato e corazzato a destra. 
R. VIRT- VS MIL-ITVM5. In esergo, segno di zecca Γ6. Aureliano, stante a destra, con globo e scettro riceve una Vittoria da un soldato stante a sinistra che sorregge un'asta.

La ricerca nel web di monete simili a quella di figura ha prodotto i seguenti risultati:

  1. http://balbinus238.com/category/collapse-of-order-ad-235-284/aurelian/ Aurelian Antoninianus, Emperor AD 270-275, minted at Siscia (?), Tripolis (?), RIC 408(?),  23 mm, 3.8 gms,  Obverse:  radiate andbr> cuirassed (mantled) bust of Aurelian facing right, IMP AVRELIANVS AVG, Reverse:  Aurelian standing right, holding a globe in his outstretched left hand and a long scepter in his right, accepting Victory from a soldier (Virtus?) standing opposite him and holding a long transverse spear in his left arm, VIRTVS MILITVM, Gamma in exergue, a superb and superbly bull-necked and unusually styled portrait of Aurelian, a very detailed emperor and soldier on the reverse, Victory not fully struck up but clearer than my photos show, full and clear legends on both sides, a gorgeous coin with frosted green and lightly frosted silvering, lovely, lovely toning indeed, from my researches a scarce issue for Aurelian and again, I must comment on the especially beautiful frosted green and silver toning on this example!  Asking price:  $250 includes priority shipping and insurance, registered to other countries (please see shipping information page).
  2. http://www.wildwinds.com/coins/ric/aurelian/RIC_0408.1.jpg Aurelian, Antoninianus. Nice EF $73.00 Dec-04-01 Imperial Rome, Aurelian 270 - 275 AD. Antoninianus. Siscia Mint. 3.32g. VIRTVS MILITVM, Emperor standing rt., receiving a trophy from a soldier who stands lt., gamma in ex. RIC 184. Mint State and a very attractive example. Cohen 285.
  3. http://www.muenzauktion.com/goudbeek/item.php5?id=2991&lang=jp AURELIANUS 270 - 275 AD. ANTONINIANUS, Obv: IMP AVRELIANVS AVG, radiate and cuirassed bust right, Rev: VIRTVS MILITVM, Emperor standing right, holding globe and sceptre, facing soldier, who is holding Victory and spear, Γ in ex, Uncertain, 270 - 275 AD. RIC 408 (RR) 3.88g. VF.
Concludo osservando che le caratteristiche fisiche, generali e di stile della moneta in esame appaiono non difformi da quelle dei conţ d'epoca.
Giulio De Florio 

-------------------------------
Note:

(1) La moneta in esame viene indicata convenzionalmente come antoniniano (le fonti storiche non ci illuminano sul nome antico di questo nominale). Traggo dai link di cui sopra le caratteristiche fisiche degli antoniniani della tipologia di figura che raccolgo nella tabella sottostante:

Link Peso (g.) Asse di conio (ore) Diametro (mm)
1 3,80 - 23
2 3,32 - -
3 3,88 - -
Dalla tabella si evince che l'antoniniano di figura presenta caratteristiche fisiche (3,55g, 22,5mm, 6h) non dissimili da quelle dei conţ d'epoca.
(2) Si parla in questo caso di zecca indeterminata (v. RIC, pag. 309). JÚr˘me Mairat sostiene in proposito, sulla base di considerazioni di stile (v. link), che la zecca in questione operasse tra la fine del 271 e il 273 nella zona balcanica tra Siscia e Serdica (v. mappa delle zecche operanti sotto Aureliano) e fosse articolata su cinque officine distinte dalle lettere, Α, Β, Γ, Δ, ε.
(3) La datazione 270¸275 si riferisce all'arco temporale tra l'ascesa e la morte di Aureliano.
(4) IMPerator AVRELIANVS AVGustus. Per una sintesi storica sulla vita di Aureliano si rimanda all'articolo di JÚr˘me Mairat pubblicato nel sito http://www.inumis.com/ressources/rome/articles/aurelien/3preface-fr.html.
(5) VIRTVS MILITVM (il coraggio dei soldati). Alaric Watson nel suo "Aurelian and the Third Century" sostiene (v. link) che il coraggio dei soldati dell'Illyricum, terra nativa di Aureliano e in generale lo spirito dell'esercito ebbero un significativo riconoscimento nella monetazione. Certe monete ritraggono l'imperatore nell'atto di ricevere una vittoriola da un personaggio corazzato, forse Marte oppure la Virtus, che in ogni caso simboleggia la forza e il coraggio dell'esercito nella sua interezza. Alcune di queste monete possedevano una leggenda intercambiabile VIRTVS (o VIRT) MILITVM, oppure VIRTVS AVG, a sottolineare in forma grafica il rapporto stretto tra l'imperatore e i suoi soldati. Si ricorderÓ che appena 11 anni prima dell'ascesa di Aureliano, un altro imperatore, Valeriano, aveva subito l'onta della cattura da parte dei Persiani e la morte in prigionia. Il popolo dunque aveva bisogno di essere rassicurato e, come riferisce Kovaliov "Aureliano gett˛ tutte le forze nella lotta contro i barbari che continuavano a minacciare i confini dell'Impero. La trib¨ degli Jutungi, che viveva nella Germania meridionale, irruppe in Italia attraverso le Alpi, devastando selvaggiamente la zona prima che Aureliano riuscisse a raggiungerli e a sconfiggerli definitivamente (270). Subito dopo questo episodio l'imperatore dovette accorrere in Pannonia contro i Sarmati e i Vandali. Anche queste trib¨ furono sconfitte e i Vandali furono obbligati a conferire all'esercito romano 2.000 cavalieri in servizio permanente. In generale, Aureliano associ˛ all'esercito romano contingenti barbari in misura maggiore che i suoi predecessori. Nel 271, mentre l'imperatore si trovava in Pannonia, Alemanni, Jutungi, Marcomanni e altre trib¨ nordiche in massa compatta irruppero nuovamente in Italia. Questi popoli esigevano il pagamento dei consuetudinari sussidi in denaro ai quali erano stati abituati dai predecessori di Aureliano. L'imperatore, lasciata sul Danubio una parte dell'esercito, accorse col rimanente in Italia. La valle del Po era giÓ stata saccheggiata, le fortezze di Piacenza, Pollenza ed altre erano state prese d'assalto. Una delle armate di Aureliano fu sconfitta; i barbari passarono gli Appennini. Con grandi sforzi Aureliano riuscý a ricompletare i suoi eserciti e sul fiume Metauro arrest˛ l'avanzata dei barbari. A poco a poco questi ultimi furono ricacciati nella valle del Po e infine, sul Ticino, i Romani conseguirono una vittoria decisiva.
Istruito dall'esperienza degli ultimi decenni, in cui la stessa capitale pi¨ di una volta si era trovata esposta a gravi pericoli, Aureliano diede inizio ai lavori per cingere Roma di un grandioso sistema di mura fortificate. L'opera fu poi completata dai suoi successori."
(6) La moneta in esame fu battuta dalla terza (Γ=3) di cinque officine al tempo operanti nella zecca di cui alla nota 2 precedente.
Indice Dietro Avanti