Indice Dietro Avanti
Asse di Hatria
19.2.2012
Egr. Sig. De Florio,
abbiamo in casa da diversi anni questa moneta, insieme ad altre simili. Non ho mai avuto tempo e modo di chiedere di cosa si trattasse e cosa rappresenti. Soprattutto se è vera oppure una copia. Il peso è di 469,5 grammi, il diametro varia da un massimo di 80 a 76 mm. Il lato della testa ha una H a ore 2 e facendo ruotare la moneta su un asse verticale il lato con il cane o lupo che dorme ha la scritta HAT, con la H a ore 6. Le sarei grato se potesse dirmi di più sulle caratteristiche, storia e genuinità della moneta. Autorizzo l'uso incondizionato delle foto o delle immagini inviate.
Cordiali saluti.

fig. 1
Cliccare sulle immagini per ingrandire
Roma, 26.2.2012
Egregio Lettore,
di seguito riporto gli elementi significativi pertinenti alla sua moneta:

Asse1, zecca di Hatria2, c. 280 a. C., Weber 216 (pag. 44), MacDonal Picenum Hatria 1 (pag. 7)

D. Testa barbata di Sileno3 di fronte, con lunghe orecchie; nel campo, a destra, segno del valore, I.4
R. Cane acciambellato. In basso
H-AT.5 Nel campo, ad ore 11, segno del valore, .

La ricerca nel web di monete di tipologia simile a quella di figura ha prodotto i seguenti risultati:

  1. http://www.acsearch.info/record.html?id=21514 Source THE NEW YORK SALE Auction XIV (10.01.2007) Lot 3  ( «  |  » ) Price 47500 USD Description GREEK COINS PICENUM No.: 3 Estimate: $10000 d=77 mm HATRIA. As, bronze, aes grave, about 280 BC. AE 420 g. Head of bald Silenus facing with animal's ear; on r., L Rev. HAT Dog lying asleep r. Haeberlin pl. 74, 3-5. VT 181. Extremely rare. Olive patina. High relief. Extremely fine.
  2. http://www.acsearch.info/record.html?id=21563 Source Baldwin's Auctions Ltd Auction 47 (25.09.2006) Lot 155  ( «  |  » ) Price 6600 GBP (~12536 USD) Description ROMAN REPUBLIC – AES GRAVE No.: 155 Estimate: £ 800.- Hatria, Aes Grave, As, c. 289 BC, HAT, head of Silenus facing, rev dog lying asleep, 1450g, 10h (Cr -; Sydenham 183; cf Thurlow & Vecchi 181). Olive green patina, good very fine. £800-900.
  3. http://numismatics.org/collection/1954.263.175 ANS AE As, Hatria, Picenum, 300 BC. 1954.263.175 Summary Map This Object Descriptive Information Date: 300 BC Object Type: Coin Axis: 11 Denomination: as Manufacture: CA Material: AE Measurements: 77 mm Weight: 372.08 grams Department: Roman References AG.180 Administrative History Previous Collection: Schulman, Oct. 1923, 203. Index Terms Dynasty: Roman--Republican Geographical Locations: Region: Picenum Mint: Hatria.
  4. http://www.scribd.com/doc/75158455/The-Weber-collection-Vol-I-Greek-coins-Auriol-Find-Class-Hispania-Gallia-Britannia-Italy-and-Sicily-by-L-Forrer 216. pag.63. Hatria circ. 289 and after. 216 Pl. 12. 404,35g. (6240grani) AE76. Head of bearded Seilenos, facing, with long ears, bound with ivy; in field to right . R. Dog sleeping to right; in field to left -As. (Barone Naples 1887).
  5. http://www.scribd.com/doc/75501491/Catalogue-of-Greek-coins-in-the-Hunterian-collection-University-of-Glasgow-Vol-I-Italy-Sicily-Macedon-Thrace-and-Thessaly-by-George-MacDonal Picenum Hatria 1, pag. 7. Head of Silenos, facing, with long ears hanging down; wears wreath of ivy; dog sleeping right. 5537grani (358,80g) AE3.1 The Romans occupied Hatria as a "colonia" in 289 B.C. Its coins are all on the haeavy system.
  6. British Museum Registration number: 1920,1203.1 as copper cast Minted in Hatria (Europe,Italy,Veneto,Rovigo (province),Adria,Hatria (city - archaic)) Date 275BC-225BC Period/Culture (obverse) Head of Silenos facing; above, denominational mark. (reverse) Dog; below, inscription. Inscription Type: denominational mark Inscription Script: Oscan Inscription Position: obverse Inscription Content: L Inscription Type: inscription Inscription Position: reverse Inscription Content: HAT Dimensions Weight: 341.8 grammes Subject mythical figure/creature mammal classical deity Associated names Representation of Silenos Associated places Named in inscription Hatria (Europe,Italy,Veneto,Rovigo (province),Adria,Hatria (city - archaic)) Acquisition date 1920.
  7. British Museum Registration number: 1867,0212.114 as copper cast Minted in Hatria (Europe,Italy,Veneto,Rovigo (province),Adria,Hatria (city - archaic)) Date 275BC-225BC Period/Culture (obverse) Head of Silenos facing; above, denominational mark. (reverse) Dog; below, inscription. Inscription Type: denominational mark Inscription Script: Oscan Inscription Position: obverse Inscription Content: L Inscription Type: inscription Inscription Position: reverse Inscription Content: HAT Dimensions Weight: 392.623 grammes Subject mythical figure/creature mammal classical deity Associated names Representation of Silenos Associated places Named in inscription Hatria (Europe,Italy,Veneto,Rovigo (province),Adria,Hatria (city - archaic)) Acquisition date 1867.
  8. British Museum Registration number: 1867,0212.114 as copper cast Minted in Hatria (Europe,Italy,Veneto,Rovigo (province),Adria,Hatria (city - archaic)) Date 275BC-225BC Period/Culture (obverse) Head of Silenos facing; above, denominational mark. (reverse) Dog; below, inscription. Inscription Type: denominational mark Inscription Script: Oscan Inscription Position: obverse Inscription Content: L Inscription Type: inscription Inscription Position: reverse Inscription Content: HAT Dimensions Weight: 395.734 grammes Subject mythical figure/creature mammal classical deity Associated names Representation of Silenos Associated places Named in inscription Hatria (Europe,Italy,Veneto,Rovigo (province),Adria,Hatria (city - archaic)) Acquisition date 1867.
  9. AstaSternberg XXVI del 16 novembre 1992 lotto 188 435g.
  10. http://www.smb.museum/ikmk/object.php?id=18202541 Hatria 275-225 v. Chr. Ausstellung im Bode-Museum, Raum 241  BM-007/13 Schweres Geld Obverse I [Wertzeichen]. Kopf eines Silens mit nach vorn gesenkten Tierohren in der Vorderansicht. Auf dem Kopf trägt er einen Efeukranz. Reverse HAT. Hund, der sich zum Schlafen eingerollt hat. Date 275-225 v. Chr. Denomination As Material Bronze Weight 341,08g Diameter 77mm Die-axis 10 h Mint Hatria Region Picenum Country Italien Reference E. J. Haeberlin, Aes Grave. Das Schwergeld Roms und Mittelitaliens einschließlich der ihm vorausgehenden Rohbronzewährung (1910) 206 Nr. 55 (dieses Exemplar); K. Rutter, Historia Numorum Italy (2001) 18 Nr. 11. Item Münze Department Antike, Griechen, Hellenismus Accession 1940 Haeberlin Object number 18202541.
  11. http://numismatics.org/collection/1944.100.72018 Descriptive Information Date: 300 BC Object Type: Coin Axis: 11 Denomination: as Manufacture: CA Material: AE Measurements: 78.5 mm Weight: 408.55 grams Department: Roman References AG.183 Administrative History Previous Collection: Hirsch 34 [Garucci], 5 May 1914, 630; Schulman, 1920. Acquisition Information: Bequest of E.T. Newell Index Terms Dynasty: Roman--Republican Geographical Locations: Region: Picenum Mint: Hatria Subjects: Category: Roman--Republican Series: AG|Crawford Notes Pierced.
Veniamo alle conclusioni a cui, nei limiti di una valutazione a distanza, sono pervenuto. Ho evidenziato nella nota 3 che alcuni studiosi hanno addirittura sollevato dubbi sulla reale esistenza di un asse atriale; ciò, sia a causa del peso eccezionale di questo nominale, sia del numero eccessivo di varianti che si osservano a fronte del limitato numero di esemplari conosciuti. Tuttavia libbre di Atria sono presenti nei musei più importanti (v. Napoli, Berlino, Londra, Stati Uniti) e nelle aste internazionali gli esemplari più belli vengono battuti a prezzi elevatissimi (v. link). Nell'intento di valutare criticamente la moneta di figura, ho svolto uno studio comparativo della stessa rispetto agli esemplari reperiti nel web (per ragioni di tempo non mi è possibile estendere la ricerca in biblioteca). Nella pagina che allego (v. link) sono riportate le immagini delle monete scaturite dalla ricerca (nove in totale), accompagnate dai link ai siti in cui le stesse sono illustrate. In estrema sintesi noterò che gli assi di Hatria esaminati si dividono in due gruppi, il primo, formato da 4 elementi, ha la particolarità che l'etnico (HAT) è collocato in basso nel rovescio mentre il segno del valore (I o ) è presente sulla destra nel dritto; nel secondo gruppo invece l'etnico è posizionato sulla destra del campo del dritto, mentre il segno del valore è un segmento verticale collocato nella parte bassa del rovescio. La moneta di figura è tipologicamente simile alle monete del primo gruppo, con le seguenti differenze che sostanziano altrettanti dubbi da parte mia sull'autenticità della stessa:
  1. la patina è assente;
  2. la superficie del dritto mostra la presenza di numerose piccole protuberanze (bolle di fusione?);
  3. il segno del valore è presente in diversa forma sia sul dritto (I) che sul rovescio ();
  4. il dritto della moneta presenta segni di usura maggiori che il rovescio;
  5. il peso della moneta è anomalo rispetto a quello osservato nelle monete tabulate;
  6. lo stile non è convincente;
  7. nell'immagine del taglio mi pare di intravedere una linea di saldatura tra le due facce della moneta;
  8. la forma del contorno appare eccessivamente frastagliata.

Un saluto cordiale.
Giulio De Florio

-------------------------------

Note:

(1) Traggo dai link di cui sopra le caratteristiche fisiche di alcuni assi della tipologia di figura battuti dalla zecca di Hatria:

Riferimenti:
-
diametro
(mm)
peso
(g.)
asse di conio
(h)
Link 1 77 420 -
Link 2 - 1450(*) 10
Link 3 77 372,08 11
Link 4 76 404,35 -
Link 5
78,7 358,80 -
Link 6
- 341,8 -
Link 7
- 392,623 -
Link 8
- 395,734 -
Link 9
- 435 -
Link10
77 341,08 10
Link11
78,5 408,55 -
(*) Il peso sopra indicato è certamente errato.
Dalla tabella si evince che il peso della moneta in esame (469,5g; 76-80mm) è superiore a quello della più pesante tra le monete tabulate.
(2) Traggo dal manuale Historia Numorum di Barclay Head, disponibile in rete all'indirizzo http://www.snible.org/coins/hn/picenum.html, le seguenti notizie concernenti Hatria (più tardi  Hadria): la città fu occupata dai Romani nel 289; è incerto che abbia mai battuto moneta prima di quella data (per altre informazioni storiche v. Treccani o Enc.Brit.). L'asse librale di Hatria pesava talvolta anche più di 401g (6200grs - grani). La serie completa era formata da 7 nominali, così ripartiti:
  • Asse. Testa di Sileno di fronte. HAT Dog sleeping. I or  (v. link);
  • Quincunx. HAT Human head in shell. Pegasos. ••••• (v. link);
  • Triens (Quatrunx). Head of Apollo (?). HAT Kantharos. •••• (v. link)/(v. link a moneta simile in questo sito);
  • Quadrans (Teruncius). HAT Dolphin. Fish (Ray?) ••• (v. link);
  • Sextans (Biunx). HAT Shoe.  Cock. •• (v. link);
  • Uncia. Anchor.  HAT • (v. link);
  • Semuncia. H A  Σ (v. link).
(3) Gli assi di Hatria, come tutti i fusi preromani, sono estremamente rari e ricercati dagli studiosi sin dai tempi antichi (collezione Melchiorre Delfico, Sorricchio ecc.); ragione per cui sono stati oggetto di riproduzione in epoca rinascimentale, settecentesca e anche ottocentesca; in molte raccolte pubbliche e private e' facile imbattersi in "falsi d'epoca", stimati per autentici.
Riprendo dal sito www.lamoneta.it (v. link) il parere di un valente esperto di monetazione fusa italica, il prof. Ing. Enzo Ponte di Torino, il quale sostiene: “L’asse di Hatria, mediamente il più pesante in assoluto tra tutti gli assi fusi, è di stile rozzo e primitivo che trova riscontro, in una certa misura, unicamente nelle monete fuse della vicina Vestini. Le monete dei Vestini, come pure quelle della vicina Carsoli, non hanno divisionali superiori noti. Questa considerazione ha fatto sorgere i primi sospetti sull’effettiva esistenza di divisionali superiori al quatrunx, anche per la monetazione atriana. Sono state attentamente controllate le fotografie riportate dall’Haeberlin: i dettagli dei tipi degli assi di Hatria sono diversi per ogni esemplare. Anche l’esame degli esemplari comparsi in aste o visionati in collezioni private conferma la grande varietà delle matrici di fusione, elemento alquanto strano se si considera l’esiguità del numero delle monete note a tutt’oggi. Non sono riuscito a trovare due esemplari attribuibili all’opera dello stesso incisore, come invece accade per altre serie o per altri tipi. Inoltre i pezzi che ho potuto visionare presentano patine non convincenti. Alcuni esperti hanno avanzato l’ipotesi di falsi ottocenteschi, prodotti in esemplari di volta in volta unici. Seri dubbi sono stati avanzati anche per il quincunx: la conchiglia, dalla quale esce la testa di Medusa, sarebbe frutto di una fantasia recente.”
Il Campana nel suo Corpus Nummorum Antiquae Italiae (del 1994) riporta tutti gli assi a lui noti (78 esemplari): sono 7 varianti di assi per il dritto e 7 per il rovescio per un totale di 14 tipologie di assi differenti (HAT al dritto o al rovescio, con la singola lettera H dritta o coricata, con HH, con L (arcaica), con I sopra o sotto il cane, senza il segno di valore, ecc.). In più, la lettera H si presenta a volte con i tratti verticali curvi, a volte con i tratti perfettamente dritti - v. link.
(4) Il segno del valore della moneta, è dato dalla lettera I o dal segno più antico (=1 libbra di Hatria).
(5) Le lettere HAT(ria) (oggi Atri nel Teramano) fanno riferimento alla città nel nome della quale la moneta è stata battuta.
Indice Dietro Avanti